Cos’è l’ortodonzia

logo_sido_statuto-smallL’ortodonzia è la branca dell’odontoiatria che riguarda la prevenzione ed il trattamento delle anomalie di posizione e di sviluppo dei denti e dei mascellari. Denti protrusi, affollati, in morso crociato, raffigurano un quadro di malocclusione che sta a significare cattiva masticazione. L’ortodonzia vuole prevenire le malocclusioni dell’adulto.

 

Da cosa derivano i problemi ai denti e al complesso cranio facciale?

invisalign-200

Esiste un credo comune per cui una malocclusione dentale sia geneticamente determinata. Tuttavia, a parte le sindromi ereditate, non esiste evidenza che indichi che i problemi occlusali dei nostri figli siano ereditati direttamente da noi genitori o dai nonni.

Ereditiamo alcuni tratti somatici, come il colore dei capelli o la forma degli occhi, ma non ereditiamo una deformitá: la acquisiamo.

La disfunzione dei tessuti molli puó essere acquisita, indipendentemente dai genitori. Nel tempo, la funzione che si discosta da quella corretta, respirando, deglutendo, masticando, tenendo la bocca aperta o chiusa, porta ad una distorsione della forma dei mascellari cambiando la postura della bocca in un circolo vizioso che coinvolge l’allineamento del rachide. Ne risultano alterazioni posturali corporee, poiché la posizione della mandibola e conseguentemente dell’osso ioide, condizionano in primis la posizione cervico-scapolare.

Chi dovrebbe curare i problemi ortodontici?

Esiste una figura specifica di professionista laureato ed eventualmente specializzato che è la persona più indicata per intraprendere un trattamento che dia risultati efficaci e duraturi: l’ortodontista, che si dedica a tempo pieno o prevalentemente all’ortodonzia.

Che cosa prevede una cura ortodontica?

L’ortodontista, nell’ambito della prima visita, dopo un accurato studio del caso tramite modelli in gesso delle arcate dentali, radiografie della bocca e del cranio, elaborerà un piano di trattamento personalizzato per ogni singolo paziente e progetterà i relativi apparecchi orto-dontico-ortopedici necessari a riposizionare i denti e i mascellari. Si potranno utilizzare apparecchi rimovibili (placche e apparecchi funzionali o trazioni extraorali) o apparecchi fissi costituiti da attacchi ortodontici direttamente applicati sui denti nei quali vengono inseriti, di volta in volta, fili di diametro e forma diversi. Sono questi fili a determinare gli spostamenti dei denti unitamente ad altre sovrastrutture quali molle ed elastici.